LA MISURAZIONE DELLA LUCE

Non c’è molta chiarezza nell’utilizzo di queste grandezze che svolgono un ruolo importantissimo nella scelta della lampada da utilizzare per illuminare gli ambienti. Per questo motivo approfondiremo alcuni aspetti del problema elencando terminologie e criteri di valutazione della luce artificiale.

LUMEN

Il lumen (simbolo lm) è l’unità di misura del flusso luminoso.

Esso equivale al flusso luminoso rilevabile in un angolo solido di 1 steradiante emesso in tutte le direzioni da una sorgente con intensità luminosa di 1 candela.

Quando si parla di illuminazione artificiale ci si riferisce normalmente a lampade che operano all’interno dello spettro di sensibilità dell’occhio umano. Per misurare l’emissione o flusso luminoso si utilizzano i Lumen. I Lumen non misurano l’energia totale emessa da una lampada, bensì soltanto l’energia emessa nello spettro visibile. La curva che descrive l’area di sensibilità dell’occhio umano si chiama curva foto topica ed è una campana centrata sulla lunghezza d’onda di 550 nm, ovvero la regione dello spettro relativa alla luce verde, che decresce rapidamente all’aumentare della lunghezza d’onda (verso il rosso) e altrettanto al diminuire della lunghezza d’onda (verso il blu).

La diretta conseguenza di questa situazione fa si che lampade che presentano uguale emissione totale possano avere un valore in lumen totalmente differente, a seconda dell’emissione più o meno centrata nella zona del verde (550nm).

LUX

Il Lux (simbolo lx) misura l’illuminazione non il flusso luminoso. Il flusso luminoso è riferito alla quantità di luce che lascia la lampada. L’illuminazione è la quantità di luce che raggiunge la superficie illuminata. Il rapporto tra Lux e Lumen è: Lux = Lumen /m2.

Non è possibile stabilire una misurazione assoluta del Lux perché si deve tenere in conto ciò che circonda la lampada, come ad esempio la presenza di eventuali riflettori, la distanza dalla fonte, ecc…

Differenza tra LUX e LUMEN

Lux e lumen sono due diverse misure del flusso luminoso; mentre il lumen è una misura assoluta della “quantità di luce”, il lux è una misura relativa ad un area. Così 1 lumen su un’area di 1 m2 corrisponde ad 1 lux, mentre lo stesso lumen concentrato in 1 cm2 corrisponde a 10.000 lux.

CRI (Color Rendering Index)

L’indice di resa cromatica ci dice in che modo una sorgente di luce è in grado di riprodurre il colore di un oggetto da essa illuminato. Una luce perfetta ha un indice di resa CRI uguale a100. Man mano che la qualità della resa cromatica della luce si allontana da questo valore minore sarà il valore di CRI. Alcuni esempi: lampada basso consumo CRI=80, lampade a bassa pressione (quelle arancioni che si usavano negli incrosi) CRI=0.

Temperatura del Colore ( °K )

La temperatura di colore si esprime in gradi Kelvin (° k) dal nome fisico Lord Kelvin, e misura la temperatura partendo dallo 0 assoluto (-273 °C). Temperature di colore alte significano colori tendenti al blu, temperature di colore basse significano colori all’arancione.

Temperatura (K)

Carrello

Il carrello Ŕ vuoto

VANTAGGI LEDRISPARMIO LEDLA MISURAZIONE DELLA LUCE

Ricerca avanzata

 
Metodi di pagamento
ę Tutti i contenuti sono di proprietÓ di Dalen Italia srls